Fiabe Filosofiche Metronapolitane

Una raccolta www.storydrawer.org

L’Esercito Degli Scheletri

Pubblicato da Domenico De Ferraro il 1 novembre 2012

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Scarica come ePub

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading …

L’ Esercito degli Scheletri

Trascinato dalla follia umana oltre il fiume della vita in una terra misteriosa un luogo sconosciuto ove ogni cosa rinasce un luogo ove non esistono regole o una fine ove e possibile ascoltare il Canto dei morti ,riposarsi incantato sul mondo che vive e con esso la storia che la reso tale . L’armata entrò nella città Scheletri in divise a galoppo di macabri cavalli ossei . Erano in migliaia una file interminabile di scheletri soldati che marciavano verso la città, pronti a metterla a ferro e fuoco. Le campane incominciarono a suonare prima lente poi veloci avvertendo l’intera popolazione del pericolo imminente. Alcune guardie salite sui muri della fortezza che proteggeva la città videro quell’ interminabile esercito di morti non aver mai fine uscivano da sotto terra a migliaia , l’armata era guidata da demoni e streghe, vampiri e maghi cattivi . E allo scoccare delle loro bacchette comparivano esseri mostruosi ,pronti a sbranare chiunque si trovasse sul loro percorso. L’allarme corse, porta a porta, le madri con i loro pargoli corsero a rifuggirsi in luoghi sicuri protetti da fascine di legno bagnate di petrolio pronte ad essere date al fuoco all’avvicinarsi dei tetri invasori. Lo scontro ebbe inizio al tramonto con lo spegnersi del giorno al lume della puella luna l’armata degli scheletri guidata da grandi rossi demoni invase ogni luogo. Dalle alte mure che difendevano la città iniziarono a lanciare con primitive catapulte massi enormi che finivano in mezzo all’armata facendo rompere le ossa ai soldati scheletrici . Quest’ultimi muniti di scale incominciarono ad arrampicarsi sui muri e come ragni in poco tempo entrarono in città. Nulla valse la resistenza dei soldati a difesa della città ,che furono trucidati passati per spada uno ad uno dai scheletri sghignazzanti . In un batter d’occhio la città fu conquistata i fuochi che proteggevano i civili ancora resisteva. Tutto ad un tratto nel bel mezzo del cielo su un cavallo alato si vide un giovane venir in soccorso degli assediati ,lanciarsi in picchiata alla testa di altri ardimentosi sempre in groppa a sauri colorati ,brandendo la sua magica spada decimo in poco tempo un terzo dell’armata degli scheletri . I demoni alla guida della tenebra armata si fecero avanti ed uno ad uno presero a combattere il giovane eroe di nome jack lantern . Un grosso diavolo per poco non ferì il valoroso giovane che coraggioso fino alla fine sprezzante del pericolo affrontò e sconfisse tutti i demoni poi non stanco prese a combattere le streghe ed i stregoni che forti dei loro incantesimi creando mostri orrendi ,visioni metafisiche spaventarono e fecero indietreggiare più volte jack .
La guerra tra i vivi ed i morti durò a lungo quasi tutta la notte il timore maggiore era proteggere gli innocenti circondati dal fatuo fuoco che teneva lontani i malvagi demoni.
La luna brillava nel cielo e con essa le stelle illuminavano la notte ed il viso di coloro che non erano più vivi. Fiumi di sangue incominciarono a scorrere raggiungendo a volte il fuoco e creando dei piccoli varchi nella cerchia ove erano gli innocenti qualche non morto riuscì pure a passare e provò a colpire una madre ed un figlio in fasce ma le frecce degli ardimentosi che seguivano jack gli trafissero le ossa spezzandole. L’unica speranza era che la notte finisse e giungesse il giorno e con esso il sole ad illuminare ogni cosa oscura. La salvezza era nel sorgere del nuovo giorno Jack incitava i suoi a non indietreggiare a resistere ,mancava poco alla fine della notte . Sembrava impensabile ed impossibile vincere quell’armata che più veniva decimata più risorgeva dalle tenebre dove era nata. Poi un piccolo raggio di luce attraverso il velo della notte lo penetrò lasciando apparire un piccolo spiraglio un varco ,che piano piano si fece più grande allargandosi e lasciando che il sole risplendesse in tutta la sua potenza. All’arrivo della dolce aurora al sorgere del sole alle prime luci dell’alba l’armata degli scheletri soldati guidati da demoni e vampiri streghe e stregoni fu annientato e jack venne acclamato salvatore dell’umanità ,di quella che purtroppo rimaneva ,ma la paura ed il dubbio rimasero ,la possibilità che al calar del sole l’armata degli scheletri sarebbe ritornata ma jack e i suoi compagni non avevano nessun timore poiché erano certi che la vita avrebbe alla fine trionfato come sempre sulla morte. Come il giorno sulla notte ,come il bene sul male e…. viceversa.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>