Scarica come ePub

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading …

The endurance of thought grammo (grammè) ci riporta atempi per un centro e un… — gpdimonderose.

The endurance of thought grammo (grammè) ci riporta atempi per un centro e un margine del testo di Aristotele in tempo (Fisica IV). Strano riferimento, strana situazione. sonogià compresi, coinvolti, dominati dai concetti che Heidi ( “Presente”) si intende, come la natura del EONTA, alcunicosa del genere: arrivato al soggiorno, nel seno del paese di cova. Così l’ eonta, affermata per prima, che la sottolineain particolare e lo distingue espressamente da proeonta eessomena, questo EONTA chiamato per i greci presenti (Das Anwe- sende), come è successo, nel senso spiegato, nel soggiornonella terra dello scoppio. Un tale arrivo è vero tavolo è arrivato, è la presenza del vero presente (Solche Ange- kommenheit ist die eigentliche Ankunft, ist das Anwesen eigentlich Anwesenden). Passato e futuro sono anche presenti(Anwesendes), ma al di fuori della terra dello scoppio. La prefazionesi sente assente è l’ assente (Das ungegenwärtig Anwesende ist das Ab-wesende). Come tale, rimane essenzialmente relativoattualmente presente (das gegenwärtig Anwesende), o che essoSta per schiudersi in questo paese, o se ne sta andando via. il mancante è anche presente (Auch das Abwesende ist Anwesendes) e, comeassente, assente dalla terra, è presente (anzi) nel tratteggio. Il passato e il futuro sono anche eonta. Di conseguenzaguenza, eon significa: presenti nel focolaio (in anwesend die Unver- borgenheit). Ne consegue da questo chiarimento di eonta che anchedentro l’apprensione greca, il presente (das Anwesende) rimane ambiguo, e necessariamente. A volte eonta significa la presenzapresente (das gegenwärtig Anwesende) ; qualche volta significatutto ciò che è presenza (alles Anwesende): il presente presente e cosa non è presente (das gegenwärtig und das ungegenwärtig Wesende) “.3. Vedi sotto, “La forma e il significato della parola”. 4. Vedi oltre, “Le estremità dell’uomo”. 37
Pagina 60
MARGINI DI FILOSOFIA Degger individuato come decisivo nel testo di Aristotele? Noi non sono sicuro e la nostra lettura procederà effettivamente da questo incertezza stessa. LA NOTA È solo una nota, ma di gran lunga la più lunga Sein und Zeit, grande degli sviluppi annunciati, mantenuto,necessario ma differito. Vedremo che lei sta già promettendo il secondo volume di Sein und Zeit, ma, diremmo, riservando rima, sia come distribuzione imminente e comeimpacco finale. La nota appartiene al penultimo paragrafo dell’ultimo capitolo (“La temporalità e l’intramontabilità come origine del volgare concetto di tempo. “). Noi comunemente pensiamo al tempo come in ciò che accade essere. L’introspealità sarebbeambiente omogeneo in cui il movimento è organizzato e organizzato. dell’esistenza quotidiana. Questa omogeneità del mezzo temporale sarebbe l’effetto di un “livellamento del tempo originale ” (Nivellierung der ursprünglichen Zeit). Sarebbe un tempodel mondo sia più oggettivo che oggettivo e più soggettivo di il soggetto. Affermando quella storia – cioè, lo spirito quello ha solo una storia – cade nel tempo (… « muore muore Entwicklung der Geschichte in die Zeit 5 ), Hegel non pensanon secondo il concetto volgare del tempo? Su questa proposta “ Come risultato” (im Resultat), Heidegger è d’accordoHegel nella misura in cui riguarda la temporalità di Dasein e la co-appartenenza che lo lega al tempo del mondo 6 . Ma solosulla proposta di conseguenza, su questo risultato di cui Hegel ci ha insegnato che non era niente senza diventare, fuori il posto assegnato ad esso da una rotta o da un metodo. Heidegger Gold 5. Hegel, Die Vernunft in der Geschichte, Einleitung in die Philosophie sophie der Weltgeschichte (G. Lasson, 1917, 133.)6. P. 405. Dovremo chiederci se questo accordo su “Risultato”, nella misura in cui si limita alla descrizione di un tempo La “caduta” della parità, non coinvolge Heidegger oltre i limiti che vuole segnare qui. Nonostante la reinterpretazione a cui lui sottopone il Verfallen (ad esempio alla fine del § 82), si chiededera se l’unica distinzione – qualunque sia la ristrutturazione e originalità – tra sé e autostima, autenticità tick, originario e non originario, ecc., non è esso stesso dipendente Hegelianesimo, l’idea di “cadere” nel tempo. E, in conseguenza del concetto “volgare” di tempo. 38
Pagina 61
OUSIA E GRAMMÈ vuole mostrare come il suo progetto di ontologia fondamentale sposta il significato di questo risultato, rendendo ilPosizione hegeliana come la formulazione “più radicale” di concetto volgare di tempo. Non si tratta di “criticare” Hegel, ma, ripristinando la radicalità di una formulazione a cui uno non ha prestato attenzione, mostrandolo al lavoro e al centro del più profondo, più critico e più metafisica, per affinare la differenza tra ontologia e logica fondamentale e ontologia classica o volgare. Questo paragrafo grafico ha due sottoparagrafi e le sue poche pagine sono strutturati attorno alle seguenti proposizioni: 1. L’interpretazione di Hegel delle relazioni tra tempo e la mente opera da un concetto di tempo esposto nel seconda parte dell’enciclopedia, cioè in una filosofia PHY della natura. Questo concetto appartiene a un’ontologia dinatura, ha lo stesso sfondo e gli stessi tratti del Concetto aristotelico, come è costruito in Fisica IV durante una riflessione sulla località e sul movimento; 2. Il “livellamento ” è dovuto al privilegio esorbitante diforma di “ora” e “punto”; come dice Hegel se stesso, “L’ora ha un diritto incredibile (ein ungeheures Recht), – non è altro che l’ora singolare ma che cosadà importanza a questo privilegio esclusivo è sciolto, sciolto, sparsi proprio come lo indosso cution ” (Encyclopaedia, 258 Zusatz) ;3. l’intero sistema di concetti che sono organizzati intorno L’affermazione fondamentale di Hegel che il tempo è l’esistenza (Dasein) del concetto, lo spirito assoluto nella sua auto-manifestazione, nella sua assoluta preoccupazione come negazione di negazione, dipende da una volgare determinazione del tempo e quindi Dasein stesso dal livellamentolation, cioè di un Dasein nella forma di Vorhanden heit, della presenza mantenuta in disponibilità.La nota taglia questa sequenza in due. Lei interviene a la fine del paragrafo dedicato alla mostra hegeliana di concetto di tempo nella filosofia della natura e prima del paragrafo “Interpretazione di Hegel della connessione tra tempo e spirito “. Tradurlo: “ Il privilegio concesso agli spettacoli ora livellati al che la determinazione concettuale del tempo di Hegel segue anche la linea di comprensione volgare del tempo e questo significa allo stesso tempo che segue la linea del tradizionalenel tempo. Possiamo mostrare che il concetto hegeliano del tempo è stato direttamente tratto dalla Fisica di Aristotele. Nel Logica di Jena (edizione di G. Lasson, 1923) che è stata proiettata a 39
Pagina 62
MARGINI DI FILOSOFIA il tempo dell’empowerment di Hegel, l’analisi del tempo trovato nell’Encyclopédie è già elaborato in tutto il suo parti essenziali. Viene rivelata la sezione sul tempo (202 mq) già sull’esame più rudimentale come una parafrasi del Trattato aristotelico in tempo. Già, nella logica di Jena,Hegel sviluppa il suo concetto di tempo come parte del Filosofia della natura ( p.186), la prima parte è intitolato “ Sistema del sole ” (195). È in connessione con la determinazione concettuale dell’etere e del movimento Hegel esamina il concetto di tempo. Qui, l’analisi dello spazio è ancora subordinato (nachgeordnet). Sebbene la dialettica già trafigge, non ha ancora la forma rigida e schematica, che avrà in seguito, ma lo rende ancora possibile presa flessibile dei fenomeni. Sulla strada per Kant al sistema completo di Hegel, un’irruzione decisiva ancora una volta produce l’ontologia e la logica di Aristotele. Come fatto, questo è ben noto da molto tempo. ma il percorso, la modalità e i limiti di questa influenza non sono rimasto meno oscuro fino ad ora. Un’interpretazione confronto concreto, un’interpretazione filosofica del Jena Logica Hegel e fisica, come Meta- La fisica di Aristotele porterà una nuova luce. Per il considerazioni precedenti, alcuni suggerimenti sommari potrebbe essere sufficiente Aristotele vede l’essenza del tempo nella monaca, Hegel nel ora (Jetzt). A. concepisce la monaca come oros, H, prende ora come “ limite ” (Grenze). A. include la suoracome stigma, H. lo interpreta ora come un punto. A. caratterizza la suora come tode ti, H. la chiama il “ Questo assoluto ” (das “assoluto Dieses”). Secondo la tradizione, A. riferisce khronos con lo sphaira, H. insiste su corso circolare (Kreislauf) di tempo. Hegel fugge tendenza, che è fondamentale per l’analisi aristotelica di tempo, per scoprire una corrispondenza (akolouthein) fondamentalmente mentale tra monaca, oros, stigma, tode ti. Con la tesi di Hegel: lo spazio “ è ” il tempo –, concorda nel suo risultato Il design di Bergson, nonostante tutte le differenze separare le giustificazioni. Bergson sta solo restituendo il proposizione: il tempo [in francese nel testo, da opporretime to duration] è lo spazio. La concezione bergsoniana il tempo è chiaramente il risultato di un’interpretazione del Aristotelico in tempo. Se allo stesso tempo di / Test attivoi dati immediati della coscienza che hanno esposto il problema di tempo e durata, Bergson ha pubblicato un trattato intitolato QuidAristoteles loco senserit, non è solo in coincidenza 40
Pagina 63
OUSIA E GRAMMÈ denza esterna e letteraria. Riferendosi alla determinazione Il tempo aristotelico come arithmos kineseos, B. fa rinunciare all’analisi del tempo mediante un’analisi del numero. tempo come spazio (vedi Saggio, p 69) è una successione quantitativa.Con un contro-orientamento (Gegenorientierung) di questo concetto, la durata è descritta come una successione qualitativa. Non lo è qui il luogo di una spiegazione (Auseinandersetzung) critica con il concetto bergsoniano del tempo e con altre concezioni ora corrente Se ci sono le analisi attuali del tempo guadagna qualcosa di essenziale oltre Aristotele e Kant, è nella misura in cui sono più rilevanti tempo elevato e “ coscienza del tempo”. Torniamo droni su di esso nella prima e terza sezione del secondo volume [quest'ultima frase è stata cancellata inedizioni successive di Sein und Zeit, dando la notatutto il suo senso carica]. Questa indicazione su una connessione tra il concetto hegeliano di tempo e aristo- tempo télicienne non assegnare un “ dipendente danza ” di Hegel, ma per attirare l’attenzione sul campo di applicazionebase ontologica di questa filiazione per la logica egemonica ian “.Un enorme compito è qui proposto. I testi così mostrati sono probabilmente tra i più difficili e più decisivo nella storia della filosofia. Eppure, cosa Heidegger punta a questi punti di riferimento, non è vero? il più semplice? non solo un ovvio ma al centro, l’elemento di prova dal quale sembra che il pensiero stia perdendo respiro? Non è il “diritto senza precedenti ” del presente che haha permesso l’intera storia della filosofia? Non è in lui cosa è sempre stato il significato, la ragione, il senso “buono ” ?E ciò che collega il discorso comune al discorso speculativo, quello di Hegel in particolare? Come si potrebbe aver pensato Essere e tempo diverso dal presente, nelforma del presente, cioè di un certo ora in generale che nessuna esperienza, per definizione, se ne andrà mai?L’esperienza del pensiero e il pensiero dell’esperienza hanno sempre e solo per essere presente. Quindi non si tratta di Heidegger suggerisce che pensiamo diversamente, se questo vuole per dire qualcos’altro Si tratta più di pensare a cosa no potrebbe essere o essere pensato diversamente Nel pensiero dell’impossibilitàbilità di altro tipo, in questo non altrimenti si verifica uncerta differenza, un certo tremore, un certo che non è la posizione di un altro centro. un altro il centro sarebbe ora un altro; questo spostamento al contrarionon prenderebbe in considerazione un’assenza, cioè un’altra presenza;41
Pagina 64
MARGINI DI FILOSOFIA non sostituirà nulla. Quindi dobbiamo – e dicendo che noigià in vista del nostro problema, potremmo avere essere già messo piede – pensa al nostro rapporto (tutto il passato) la storia della filosofia se non quella dello stile del negatività dialettica; chi – affluente del concetto volgare del tempo – pone un altro presente come negazione del presente passato-tenuto-sollevato nel Aufhebung, quindi consegnando il suoverità. Questo è esattamente qualcos’altro: è il collegamentodella verità e del presente che dobbiamo pensare, in un pensiero che ha forse ancora una volta di essere vero o presenti, perquale senso e valore della verità sono messi in discussione come mai nessun momento intra-filosofico è stato in grado di fare da fare, soprattutto non lo scetticismo e tutto ciò che rende il sistema con lui. La negatività dialettica che ha permesso la speculazione Hegelian così tanti profondi rinnovamenti rimarrebbero tali la metafisica della presenza, della manutenzione e del volgare concetto di tempo. Lei avrebbe raccolto solo l’affermazione nella sua verità. Hegel voleva fare qualcos’altroe non dichiara spesso che la dialettica sia La verità è ancora nascosta, anche se rivelata, da Platone e Kant? Non c’è alcuna possibilità per il tema delqualcosa metafisico si è spostato sul concetto di tempo, da Aristotele a Hegel. I concetti fondanti della sostanza e di causa, con tutto il loro sistema di concetti correlati, qualunque sia la loro differenziazione e problematica responsabilità interna, per fornirci il relè e per garantire continuità ininterrotta, sebbene molto differenziata, di tutti momenti di Metafisica, Fisica, Logica, in attraversando l’etica. Mancato riconoscimento di questa potente verità sistematico, non sappiamo di cosa stiamo parlando quando fingiamo interrompere, trasgredire, eccedere, ecc., la “metafisica “, il”Filosofia”, ecc. E, per mancanza di un riconoscimento rigoroso critico e decostruttivo del sistema, l’attenzione tanto necessaria differenze, tagli, cambiamenti, salti, ristrutturazioni, ecc., è ingombrato dallo slogan, dalla stupidità dogmatica, dal l’empirismo – o tutto in una volta – è lasciato a Se dettame Tergo lo stesso discorso che crede sfida. esso È vero che il piacere che possiamo poi prendere (alla ripetizione di zione) non può in definitiva apparire prima del legge. Questo è esattamente il limite di una tale istanza – la sophie: chi è qui in questione. 42
Pagina 65
OUSIA E GRAMMÈ essoterico Torniamo in contatto prima. Quello del concetto di vulgaris rezza nella frase “concetto volgare del tempo” con ladichiarato punto di partenza per l’interpretazione aristotelica. pre- con la punta del suo exoterico. In Fisica IV (nel 217b), Aristotele inizia conproporre aporia. Lo fa sotto forma di argomentazioneexoterico (dia tôn exoterikôn logôn). Si tratta prima di tuttochiedi se il tempo fa parte delle età o dei non-esseri; allora, qual è la sua physis. Gambero di Kalôs ekhei diaporesai peri autou [khronou] kai dia tôn exoterikôn logôn, poteron tôn ontôn estin è tôn mônôn, éita tis è physis autou. Aporetic è un exoterico. Lei apre e chiude in questo vicolo cieco: il tempo è ciò che è “non” o chi “è difficile, e debolmente” (olos ouk estin è molis kai amudrôs). Ora, come possiamo pensare che il tempo sia ciò che èno? Realizzando che il tempo è, ha per essenza la suora, che viene tradotta la maggior parte del tempo ma qualepiuttosto nella lingua greca come la nostra parola “main- tenendo “. La monaca è la forma che il tempo non può maipartire, sotto il quale non può mancare di darsi; e per così tanto la suora, in un certo senso, non lo è. Se pensiamo al tempod’ora in poi, si deve concludere che non lo è. il ora si sta dando sia come ciò che non è più e comeche non è ancora Lui non è quello che è e non lo èche lui è. Per gli uomini gar autogego kai ouk esti, a dè mellei kai oupo estin. “In un certo senso, lui era e non è più in un altrosignificato, sarà e non è ancora. Il tempo è quindi composto di non studenti. Ora, ciò che include una certa ne-ant, che composto da non-essere non può partecipare alla presenza, della sostanza, dell’entità stessa (ousia). Questa prima fase dell’aporia coinvolge il tempo di pensare nella sua divisibilità. Il tempo è divisibile in parti e ancora nessuna delle sue parti, nessuna ora è nel presente. Arrê-raccontaci qui prima di considerare l’altra fase dell’aporia il senso di essere o non-essere del tempo. Aristotele lo sosterrà l’ipotesi opposta: l’ora non è una parte, il il tempo non è composto da suora. Ciò che riteniamo dalla prima ipotesi è che il il tempo è definito in base alla sua relazione con una parte elementare, il ora, chi è interessato, come se non fosse lui stesso già temporale, da un tempo che lo nega determinandolo come ora passato o ora futuro. La suora, elemento del43
Pagina 66
MARGINI DI FILOSOFIA il tempo, non sarebbe di per sé temporale. È temporale solo in diventando temporali, cioè cessando di essere, passando alla ne-antità sotto forma di essere-passato o essere-futuro. Anche se è considerato come non-essere (passato o futuro), il ora è determinato come il nucleo del tempo senza tempo, nucleo immodificabile della modificazione temporale, un inal della temporalizzazione. Il tempo è ciò che accade a questo nucleo da influenzarlo da ne-form. Ma essere, essere un essendo, non si deve essere influenzati dal tempo, non si deve diventare (passato o futuro). Partecipa all’entità, in ousia, lo èquindi partecipa all’essere-presente, alla presenza del presente, se vogliamo presentare. Essere è ciò che è. L’ousia èpensato da esti. Il privilegio della terza personadel presente del libro indicativo qui tutto il suo significato storico 7 .L’essere, il presente, l’ora, la sostanza, l’essenza sono correlati, nel loro senso, alla forma del presente participio. E il saggio per il sostantivo, potremmo mostrarlo, supponiamo il ricorso in terza persona. Sarà lo stesso, in seguito, per questa forma della presenza che è la coscienza. PARAPHRASE: PUNTO, LINEA, SUPERFICIE. Almeno due volte, ricorda Heidegger, Hegel Fisica IV formulata analizzando il tempo in un “phi-la mancanza della natura “. La prima fase dell’esoterico è effettivamente riprodotto nella “Filosofia della Natura” del Logica di Jena. La prima parte di questa “Filosofia dila natura “, dedicata al” sistema solare “, definisce il tempoall’interno di uno sviluppo sul “concetto di movimento ment “. Si trova lì, anche se Aristotele non viene mai citato – queste evidenze di base non hanno bisogno di riferimenti – muli che commentano la prima fase. Quindi, ad esempio:“Il limite (Grenze), o il momento del presente (Gegenwart), ilquesto tempo assoluto (das absolute Dieses der Zeit), o ilora (das Jetzt), è assolutamente e negativamente semplice,assolutamente escludendo da sé ogni molteplicità, e di conseguenza assolutamente determinato … È, come un atto di negazione (als Negieren), anch’esso assolutamente correlato al suo opposto e al suo7. Heidegger sottolinea, da un altro punto di vista, il dominio conto in terza persona del presente indicativo del verbo essere nell’introduzione alla metafisica, tr. fr. p. 102-103. su questo problema, cfr. più avanti, “Il supplemento di copula”. 44
Pagina 67
OUSIA E GRAMMÈ attività, il suo semplice atto di negare è legato al suo opposto, e l’ora è immediatamente l’opposto di se stesso, l’atto di per negare se stessi … l’ora ha il suo non essere (Nichtsein) in sé, e ‘immediatamente diventa diverso da se stesso, ma questo altro, il futuro, in cui diventa [trasporti, trans forma] il presente, è immediatamente l’altro per se stesso, perché è ora presente (denn sie ist jetzt Gegenwart) … QuestoEssenza che è sua (Wesen Dies) è il suo non essere(Nichtsein) “Ma forse la ripresa dialettica dell’aporia aristotelicaè articolato in un modo più rigoroso e più rigido nell’Enciclopedia (“Filosofia della natura “, § 257). È ancora all’inizio della “Meccanica”, nel prima parte, che considera lo spazio e il tempo come categorie fondamentali di natura, vale a dire l’idea come esteriorità, giustapposizione o separazione, essendo fuori di sé (Aussereinander, Aussersichsein). Lo spazio e il tempo sono icategorie fondamentali di questa esternalità come diate, vale a dire astratto e indeterminato (das ganz abstrakte Aussereinander) .La natura è l’idea fuori dal vero. Lo spazio è questo essere-fuori di se stesso, questa natura in quanto è essa stessa al di fuori lo stesso, vale a dire, per quanto non si riferisce a stesso, in quanto non è per se stesso. Lo spazio è l’unico versalità astratta di questo essere-fuori-di-sé. Non si riferisce a se stesso, alla natura, come “spazio assoluto” (questo è il primo pressione del Jena logica che non riapparire In- ciclopedia, per motivi indubbiamente essenziali), non lo sanessuna mediazione, nessuna differenza, nessuna determinazione, nessuna discontinuità. Corrisponde a quale logica da Jena chiamato l’etere: un mezzo di trasparenza ideale, di indifferenzacontinuità assoluta, indefinita, giustapposizione assoluto, cioè senza relazione interiore. Niente ancora si riferisce a nulla. Questa è l’origine della natura. Solo da questa origine possiamo chiedere la seguente domanda: come fa lo spazio, come fa la natura, nella sua immediatezza indifferenziata, ricevono la differenza, il determinazione, qualità? Differenziazione, determinazione, la lificazione può avvenire nello spazio puro solo come negazione di questa purezza originale e questo primo stato di indifferenziazione astratto, qual è esattamente la spazialità dello spazio? La pura spazialità è determinata negando debitamente che lo costituisce, vale a dire negando se stessi. Negando se stessi: questa negazione deve essere una negazionedeterminato, negazione dello spazio per spazio. Il primo nega- 45
Pagina 68
MARGINI DI FILOSOFIA Lo spazio spaziale è il PUNTO. “Ma la differenza(Unterschied) è essenzialmente determinato, è una differenzaqualitative. In quanto tale, è prima di tutto la negazione dello spazio stesso, perché questo è l’essere-fuori-di-séimmediato, indifferenziato (unterschiedlose) : il punto. “(§ 256).Il punto è questo spazio che non occupa spazio, questo posto che non ha luogo rimuove e sostituisce il posto, prende il posto di lo spazio che nega e conserva. Egli nega spazialmente lo spazio. esso è la prima determinazione. Come primo deterrente minazione e prima negazione dello spazio, il punto spaziale o spazio . Si nega riferendosi a se stesso, cioè,per dire ad un altro punto. Negazione di negazione, negazione il punto spaziale è la LINEA. Il punto è negato e trattenuto,si distende e si sostiene, si alza (di Aufhebung) sulla lineache è la verità di ciò. Ma la negazione è, in secondo luogola negazione dello spazio, vale a dire che è essa stessaspazio; come essenza è questa relazione, cioè mentre si circoscrive sopprimendo se stesso (als sich aufhebend), ilil punto è la linea, il primo essere-altro, vale a dire essere-spazialedel punto (ibid.). Secondo lo stesso processo, da Aufhebung e la negazione delnegazione, la verità della linea è SUPERFICIE: “Ma la verità di l’essere-altro è la negazione della negazione. La linea è convertita poi in superficie, che da un lato è un fattore determinante della linea e del punto, e quindi superficie in generale, ma che d’altra parte è la negazione rimossa, trattenuta dallo spazio (die aufgehobene Negation of the Raumes), e quindi ilrestauro (Wiederherstellung) della totalità spaziale, cheora ha il momento negativo … ” (Ibid.) Lo spazio è diventato concreto per aver conservato in se stesso il negativo. È diventato uno spazio perdendosi, determinando se stesso, negando la sua originaria purezza, indifferenziazione ed esternalità che lo costituiva nella sua spazialità. Spaziale, il compimento dell’essenza della spazialità è un de-spaziale e viceversa. E al contrario: questo movimento diproduzione della superficie come totalità concreta dello spazio è circolare e reversibile. Possiamo dimostrare al contrario che la linea non consiste di punti, poiché è fatta punti negati, punti fuori-sé; e che la superficie no non è costituito da linee per lo stesso motivo. Considereremo poiché la totalità concreta dello spazio è all’inizio la superficie è la prima determinazione negativa, la linea il secondo, l’ultimo punto. Astrazione In Differenza l’affitto è indifferentemente al principio e alla fine del cerchio. Eccetera Dobbiamo lasciare da parte, nonostante il suo interesse, la discussione 46
Pagina 69
OUSIA E GRAMMÈ Concetti kantiani che si intrecciano con questa dimostrazione in una serie di note. Dobbiamo venire alla domandatempo. Ha ancora bisogno di essere chiesto? Dobbiamo ancora chiederci come appare il tempo da questa genesi dello spazio? In un certo senso, è ancora troppo tardi per chiederlo questione del tempo. Questo è già apparso. Il non-essere-più e l’essere-ancora che stava riportando la linea al punto e la superficie a la linea, questa negatività nella struttura dell’Aufhebung eragià tempo. Ad ogni passo della negazione, ogni volta l’ Aufhebung ha prodotto la verità della precedente determinazione,il tempo era richiesto. Negazione al lavoro nello spazio o come spazio, negazione spaziale dello spazio, il tempo è il verità dello spazio. Così com’è , vale a dire, diventa esi verifica, che si manifesta nella sua essenza, come spazio riferendosi a se stessi, vale a dire negando se stessi, lo spazioè (il) tempo. È temporalizzato, si riferisce a se stesso e media come il tempo. Il tempo sta spaziando. È il rapportoporta a se stessi dello spazio, suo per sé. “Tuttavia, la negatività che, come punto, si riferisce allo spazio e si sviluppa in lui le sue determinazioni come linea e superficie, è, nella sfera dell’essere-fuori-da-sé, anche per se stessi e le sue determinazionianche (cioè nell’essere-per-sé della negatività) … Quindi posto per se stessi, è tempo “(§ 257). tempo rapporti spazio. Ricordando questa mossa, Heidegger fa notare quello spazio quindi è pensato solo come tempo (p.430). Lo spazio è tempocome lui, lo spazio, è determinato dalla negatività (primo o ultimo) punto. “Questa negazione della negazione come la puntualità è secondo Hegel il tempo. ” (Ibid.) Tempoè quindi pensato da o in vista del punto; il punto di lasciare o in vista del tempo. Il punto e il tempo sono pensati in questo circolarità che li riconduce gli uni agli altri. E il concetto stesso di negatività speculativa (l’Aufhebung) è possibile soloquesta infinita correlazione o riflessione . Lo stigmé, punc-qualità, è il concetto che, in Hegel come in Aristotele, determina la manutenzione (suora, jetzt). Non è rimasto nullasorprendendo che la prima fase aporetica di Phy- IV informa o preforma la prima figura del tempo in”Filosofia della natura” di Hegel. Si prefigura la relazione tra spirito e tempo, natura essere l’essere-fuori-di-sé della mente e il tempo del primo rapporto a se stesso della natura, il primo sorgere del suo per sé, la mente di pertinenza di se stesso solo negando e cadere fuoridi se stessi. 47
Pagina 70
MARGINI DI FILOSOFIA Qui l’aporia aristotelica è intesa, pensata, assimilata in quella che è propriamente la dialettica. È abbastanza – e lo ènecessario – per prendere le cose nella direzione opposta e sotto dall’altra parte per concludere che la dialettica hegeliana è che la ripetizione, la ripetizione parafrastica di un’aporia esotica America, brillante plasmare un paradosso comune 8 . esso sufficiente per convincerli a guardare il passaggio di Aris- già menzionato (218a) e questa definizione di tempo nel paragrafo 258 dell’Enciclopedia: “Il tempo come unità negativativo di essere-fuori-di-sé è sia un estratto, un ideazionale.– È l’essere che, mentre è, non lo è , e mentre lui non è , è: il divenire intuizionato (das angeschaute Werden), vale a dire che le differenze meramente temporanea èrimuovendo-trattenendo immediatamente (unmittelbar sich aufhe- benden Unterschiede) sono determinati come esterni, vale a dire, tuttavia, come esterno a se stessi. “ Questa definizione ha almeno tre conseguenze dirette in il testo di Hegel, considerato parafrasato di Aristotele. 1. Il concetto di tempo kantiano è riprodotto qui. Lo è piuttosto dedotto. Pertanto, la necessità di una siffatta deduzione rivelerebbe che la rivoluzione kantiana non ha spostato l’aristo- telicien, al contrario, si è trasferito, trasferito, sistemato. Noi 8. Hegel pensava che la sua relazione con l’essoterico aristotelico o ai paradossi eleatici in una categoria completamente diversa da della “parafrasi” di cui parla Heidegger. Almeno lui pensa la possibilità di “parafrasare” da concetti che si impegnano l’essenza dei loghi. La sua “ripetizione” del pensiero di il tempo non rientra nella particolare categoria e retorica per parafrasare (cosa parafrasando il filosofo?). Il passato era per lui allo stesso tempo una brillante anticipazione della dialettica speculativo e la necessità teleologica di un “già non ancora” cosa svilupperà in Logic; dove possiamo leggereesempio, nel mezzo di pagine che dovrebbero essere citate in extenso: “Infi-sono più ingegnosi e profondi dell’antinomia kantiana abbiamo appena affrontato sono gli esempi dialettici di l’antica scuola éléate, specialmente per quanto riguarda il movimento … La soluzione che Aristotele dà a queste formazioni dialettiche merita la più alta lode; sono contenuti nelle sue nozioni davvero speculativo di spazio, tempo e movimento … Non è sufficiente possedere un’intelligenza acuta (e sotto questo nessuno è ancora passato Aristotele) per essere in grado di comprendere e giudicare le nozioni speculative di Aristotele e per confutare ciò che è scortese nella rappresentazione sensata e nell’argomentazione di Zenone …, ecc. (Scienza della logica, t. 1 tr. fr. modificato, p. 210-212). Vedi anche l’intero problema di certezza ragionevole. 48
Pagina 71
OUSIA E GRAMMÈ dovrà suggerirlo ulteriormente da un altro punto di vista. In effeti, il “diventare intuitionné” in sé, senza alcun contenuto sensibileempirico, è il puro sensibile, questa forma sensibile, pura di tuttomateria sensuale, senza la scoperta di cui nessuna rivoluzione Copernicano non si sarebbe verificato. Quello che Kant aveva scoperto era questa sensibilità insensibile qui riprodotta dalla “parafrasi” di Aris- tote: “Il tempo è come lo spazio una forma pura di sensibilità o intuizione, il sensibile insensibile (das unsinn- Liche Sinnliche). (§ 258. Nota.) Alludendo a questo”Sensibile insensibile” 9 , Heidegger non riporta questo concettoHegelian alla sua controparte kantiana e lo sappiamo nei suoi occhi Hegel avrebbe in molti modi coperto e cancellato l’audacia Kant. Non possiamo pensare qui contro Heidegger, quel Kantè nella linea giusta che, secondo Heidegger, ha portato Aristotele aHegel? 2. Secondo un movimento che assomiglia a quello di Kant e il problema della metafisica (e quindi Sein und Zeit), Hegel conclude dalla sua definizione:a) che “il tempo è lo stesso principio dell’I = I di pura auto-consapevolezza. Dovrebbe essere correlato – ma non possiamo farlo qui – l’intera nota delparagrafo 258 dell’Enciclopedia che dimostra il secondoproposta e, per esempio, punto 34 Kant … diHeidegger, in “tempo come puro affetto di sé” (Selbst- affektion) e il carattere temporale del sé (Selbst) “. Heideg-non ripete qui il gesto hegeliano quando scrive esempio: “Il tempo e il” penso “non sono più uno di fronte all’altro nel modo incoerente e l’eterogeneo, sono gli stessi. Grazie al radicalismo con cui, nella sua fondazione della metafisica, ha, per la prima volta, soggetto a spiegazioni trascendentali e anche il tempo per lui stesso come “penso” per se stesso, Kant li sposò entrambi nella loro originalità (Ursprüngliche Selbig- keit) – senza questo, è vero, stessoe come tale visibile a lui “? b) che “non è nel tempo (in der Zeit) che il tuttosorge e passa, ma il tempo stesso diventa questo divenire, questoe questo passaggio … “(§ 258). Hegel si è moltiplicato garanzie di questo tipo. Opponendoli a tutte le formulazioni metaforico (al quale non si tratta di rifiutare poi qualsiasi gravità 10 ) che dice “caduta” nel tempo, noi9. P. 428. 10. Vedi oltre, “Mitologia bianca”. 49
Pagina 72
11. Cfr. “La doppia sessione”, in Disseminazione. 12. Qui possiamo solo citare e situare alcuni testi su che dovrebbe pesare pazientemente l’interrogatorio. Ad esempio: “Real (das Reelle) è sicuramente diverso dal tempo, ma anchebene essenzialmente lo stesso di lui. È limitato (beschränkt), e l’altro, riguardo a questa negazione, è fuori di esso. Il deterrentela minorità è esterna a lui, e quindi la contraddizione del suo essere; l’astrazione dell’esternalità della sua contraddizione e dall’ansia di Unruhe c’è il tempo stesso. Questo è perché il finito è transitorio e temporale, perché non lo è,come il concetto, in sé negatività totale … Ma il concetto, nella sua identità esistente liberamente per se stesso, I = I, è in se stesso e per se stesso l’assoluta negatività e libertà, il tempo quindi non è il suo potere più di quanto non sia [lui, il concetto] nel tempo e uno è temporale (ein Zeitliches), ma lo èpiuttosto il potere del tempo (die Macht der Zeit) comeche questa è solo questa negatività come esternalità. Questo è solo il naturale che è quindi soggetto al tempo, finché è è finito; d’altra parte, il vero, l’idea, lo spirito, sono eterni. ma il concetto di eternità non deve essere negativamente afferrato come l’astrazione del tempo, in modo che esistesse per dì fuori (tempo); e non devi sentirlo nel senso dove l’eternità sarebbe arrivata dopo il tempo; faremmo allora l’eternitàun futuro, un momento di tempo “(§ 258). 50 MARGINI DI FILOSOFIA potrebbe esibire tutta una critica hegeliana dell’intratemporale Ralite (Innerzeitigkeit). Non sarebbe solo analogo aquello sviluppato da Sein und Zeit; lei dovrebbe essere composta, comein Sein und Zeit, con un tema dell’autunno o della caduta di Verfallen. Torneremo su questo concettoprecauzione – e Hegel non ha preso meno di Heideg- in Sein und Zeit – non può estrarre dal suo globo eticoteologica. A meno che, nel vuoto, l’espirazione del globo in questione è riportato a un punto di cadere più lontano 11 .3) Secondo un gesto fondamentalmente greco, questa determinazione Il tempo di Hegel permette di pensare al presente, alla forma anche il tempo, come l’eternità. Questa non è l’astrazione tempo negativo, non tempo, fuori tempo. Se il la forma elementare del tempo è il presente, l’eternità no essere fuori dal tempo solo stando fuori dalla presenza; Lei non sarebbe presenza; lei sarebbe venuta prima o dopo il tempo e diventerebbe di nuovo un cambiamento temporale. Noi faremmodall’eternità un momento di tempo. Tutto ciò che riceve nel Hegelianesimo il predicato dell’eternità (Idea, Spirito, Vero, ecc.) non dovrebbe essere pensato fuori tempo (nemmeno in il tempo) 12 . L’eternità come presenza non è né temporale né
Pagina 73
OUSIA E GRAMMÈ senza tempo. La presenza è atemporalità nel tempo o il tempo atemporalità, che può essere impossibile qualcosa come una temporalità originale. L’eternità è un altro nome della presenza del presente. Questa presenza, Hegel si distingue anche dal presente come adesso. distinzione analogo ma non identico a quello proposto da Heidegger, poiché richiede la differenza tra finito e infinito 13 .13. La differenza tra il finito e l’infinito è qui proposta come differenza tra l’ora (Jetzt) e il presente (Gegenwart). La pura presenza, l’infinita parusia non sarebbe secondo Hegel comandato da questo ora che Heidegger ci dice che da la Fisica in Encyclopedia, limita e determina la parusia. Ma, come Heidegger accusa anche un privilegio di Gegenwart, sarebbe necessario affondare qui nelle differenze tra Jetzt, Gegenwart, Anwesenheit. Ancora come preliminare, facciamoloqui per tradurre il testo di Hegel: “Le dimensioni del tempo, il presente, (Gegenwart), il futuro e il passato sono il futuro diesternalità in quanto tale e la sua dissoluzione (Auflösung) indifferenze di essere come un vuoto e nulla come un passaggio all’essere. Lo svenimento immediato di questi le differenze nella singolarità sono il presente come adesso (die Gegenwart als Jetzt), che, come è la singolarità,è esclusivo e allo stesso tempo continua negli altrimomenti, solo essendo lo svenimento del suo essere dentro il nulla e il nulla nel suo essere. Il presente finito (die endliche Gegenwart) è ora riparatocome distinti dai momenti negativi e astratti del passatoe del futuro, nella misura in cui è l’unità concreta e quindi come è affermativo; ma questo essere è di per sé solo astratto, annodando nel nulla. Inoltre, in natura, dove c’è il tempo ora le differenze tra queste dimensioni non possono entrarevenire al sostentamento; sono necessari solo nella rappresentazione sentimento soggettivo (Vorstellung) , nella memoria, nella paurao nella speranza. Ma il passato e il futuro del tempo, come che sono nella natura, sono lo spazio, perché questo è il momentonegato; quindi lo spazio sollevato (aufgehobene) è il primo puntoe, sviluppato per se stesso, il tempo “(§ 259). Questi testi – e alcuni altri – sembrano entrambi confermare e sfidare l’interpretazione di Sein und Zeit. La conferma è ovvia.La sfida complica le cose al punto in cui il presente distinto dal presente, dove esso, nella sua purezza, non appare solo per la natura e non ancora il tempo, ecc. In una parola, ci sarebbe molta fretta e semplificazione per dire che il Il concetto hegeliano di tempo è preso in prestito da una “fisica” o a una “filosofia della natura”, e che passa così senza modifica essenziale in una “filosofia della mente ” oin una “filosofia della storia “. Anche il tempo è questo51
Pagina 74
MARGINI DI FILOSOFIA Differenza intra-ontica, dice Heidegger; ed è qui davvero questa dovrebbe essere l’intera domanda. LO STUDIO DELLA DOMANDA Finora abbiamo tenuto in qualche modo a la prima ipotesi di aporetics aristotelica. questo quindi cominciò a paralizzarsi nel determinare il tempo come suora e suora come meros (parte).La nostra domanda allora è: invertendo ipotesi, dimostrando che l’ora non è un parte del tempo, Aristotele strappa il problema del tempo ai concetti di “spazio” di parte e tutto, ai predefiniti nazione della monaca come meros o stigma? Richiama le due domande di Aristotele. 1. È il tempo o non parte di onta? 2. Dopo le aporie relative aproprietà che ritornano al tempo (peri tôn uparkhontôn), abbiamochiede che ore sono e qual è la sua physis (ti d’estin o kronos kai tis autou è physis). Il modo in cui il primola domanda è formulata manifestamente sebbene l’essere del tempo sia anticipato da ora in poi e ora come cravatta. E questo anche quando Aristotele sembra rovesciare il prima ipotesi e di opporsi a lui che l’ora non lo è alcuni o il tempo non è composto da manutentori (per de nun o meros … o di khronos o dokei sungkeisthai ek tôn nun – 218 a).Questa seconda serie di proposizioni appartiene alla catena di assunzioni di buon senso tendenti a suggerire quel tempo non appartiene agli esseri né, in un puro e semplice, all’entità (ousia). Queste ipotesi exoteriche inizialinon sarà mai messo in discussione ad un altro livello, in a livello non essoterico 14 . Dopo aver ricordato il motivo per cui possiamopassaggio stesso. La lettura di Aristotele, già, darebbe origine a domande zioni simili. Qualsiasi affermazione (qui, quella di Heidegger) che a concetto appartiene, in Hegel, alla filosofia della natura(o, in generale, in un luogo particolare, testo hegeliano) è a priori limitata nella sua rilevanza struttura relevante rapporti tra natura e non natura nella dialettica speculativo. La natura è fuori dalla mente, ma come lo spirito se stesso, come la posizione del proprio essere-fuori di se stesso. 14. È la differenza, in Fisica IV, tra il trattato diluogo e il trattato del tempo. Solo il primo aggiunge uno sviluppo 52
Pagina 75
OUSIA E GRAMMÈ Pensa che il tempo non è un essere, Aristotele lascia la domanda zione in attesa. D’ora in poi metteremo in discussione la physis di cosal’appartenenza all’essere è ancora indecidibile. Come noi Potremmo notare 15 , c’è “un problema metafisico che Aristotele”potrebbe essere stato in parte evaso, “anche se lui” ha chiaramente posto “. Che la domanda sottratta sia propriamente metafisica, potremmo sentirlo altrimenti. Cos’è il metafisico forse meno la domanda è stata elusa rispetto alla domanda elusa. il allora la metafisica sarebbe nata da questa omissione. Ripetendo la domanda di essere nell’orizzonte trascendentale del tempo, Sein und Zeit porterebbe alla luce questa omissione con cui ilmetafisica credeva di essere in grado di pensare il tempo da un essere già silenziosamente predeterminato nella sua relazione al tempo. Se tutta la metafisica è impegnata in questo gesto, Sein und Zeit, almeno a questo riguardo, è un passo decisivo oltresotto metafisica. La domanda è stata elusa perché posto in termini di appartenenza a essere o non essere, essendo stato già determinato come presente. È questo evitato dalla domanda che Heidegger rimette in gioco fin dall’inizio parte di Sein und Zeit: il tempo sarà quindi da cosal’essere dell’essere viene annunciato e non quello che tenteremo di derivare la possibilità da un essere già costituito (e segretamente temporalmente predeterminato) essendo presente (dell’indicativo, in Vorhandenheit), sia nella sostanza che nell’oggetto.Che la domanda elusa diffonda i suoi effetti su tutta la storia della metafisica, o piuttosto la costituisce come tale, come effetto, non sarà riconosciuto solo dal fatto, enormemente ovvio, che fino a quando Kant, la metafisica terrà tempo per il nulla o incidente straniero a benzina o la verità Che tutta la metafisica è, per così dire, incorporato nell’apertura o, se si preferisce, paralizzato in l’aporia del discorso exoterico di Fisica IV, questo è indicatoancora da Kant. Non solo in quanto collega la possibilitàtempo al derivativus intuitivo e al concetto di una finitudine odi una passività derivativa, ma soprattutto in quello che è piùrivoluzionario e meno metafisico nel suo pensiero tempo. Verrà messo, come volete, alle responsabilità di Kant o alle risorse di Aristotele. Avrà anche poco senso in entrambi caso. fondamentale per uno sviluppo exoterico e un’articolazione esplicita (210b). 15. J. Moreau, Spazio e tempo secondo Aristotele, Padova1965, (92). 53
Pagina 76
MARGINI DI FILOSOFIA In effetti, è perché, come dice Aristotele, il tempo non lo consentenon appartiene ai bambini, non ne fa parte più di quanto non sia una determinazione, perché il tempo non è dall’essere in generale (fenomenico o di per sé), che deve essere trasformato in una forma sensibilità pura (sensibile insensibile). Questa profonda fedeltàmetafisico, si organizza, si sistema con la rottura che ricon-il tempo nasce come condizione di possibilità di apparire nell’esperienza (finita), vale a dire con quale di Kant sarà ripetuto da Heidegger. Possiamo quindiIl principio sottopone sempre il testo di Aristotele a ciò che è Potremmo chiamare la “generosa ripetizione”: quella Kant, che è negato ad Aristotele e Hegel, almeno ai tempi di Sein und Zeit. Ad un certo punto, la distruzionela metafisic

« »